LA TERRA (PIATTA?) E I MARI

La terra - in Ebr. èrets (אֶ֔רֶץ) - nei tempi antichi, non era la sfera perfetta visibile dai satelliti, ma una piattaforma solida emersa dalle acque.

Essa coincideva esattamente con il panorama che gli antichi ebrei del VI secolo a.C. - epoca in cui gli studiosi situano la stesura del libro della Genesi - avevano sotto gli occhi ogni giorno. Un piccolo mondo antico, ma che rappresenta lo scenario in cui ambientare idealmente tutta la storia del popolo ebraico.

Una terra piatta?

L’attualità di questa presentazione non sta nei suoi dettagli ma nel messaggio codificato tra le righe di questa concezione del cosmo: la vita sulla terra è garantita e governata da Dio che “tiene a bada” l’avanzata delle tenebre, ossia del male, simboleggiato dalle acque buie, insidiose e profonde (Giobbe 38,8-11) che circondano la terra.

Chi non resta impressionato davanti allo scenario apocalittico di uno tsunami che invade e distrugge tutto? Oppure chi non ha sognato, almeno una volta, di essere sommerso da un’onda gigantesca durante una notte di tempesta?

Immagini, queste, profondamente impresse dentro di noi e che evocano emozioni quali la paura o piuttosto l’angoscia di fronte a qualcosa di incontrollabile e indefinibile che rischia di distruggerci.

Il caos che invade prima del nuovo cosmo

Immagini che sono sempre un avvertimento che qualcosa non va, che forse stiamo scegliendo un percorso di vita che comporta rischi mortali, che forse sono stati oltrepassati dei limiti che non dovevano essere valicati e che a volte vorremmo valicare per scoprire dimensioni nuove di noi, soddisfare desideri nascosti non sempre cattivi.

Dio, infatti, non solo crea, ma anche “separa” – in Ebr. badàl  (בָּדל - per es. Genesi 1,4 e 7) – attua delle distinzioni che sono parte integrante della sua opera creatrice. Non si tratta di un ordine morale da rispettare, ma di un ordine cosmico da mantenere. E tuttavia, prima che emerga un "nuovo cosmo", è necessario che il caos di nuovi invada tutto.

È l'ansia angosciosa che, allora, fa da padrona ma che va ascoltata e interpretata. Il cosmo che poi ne emergerà avrà nuovi confini, più ampli e corrispondenti a ciò che da dentro sentiamo di essere.

(Tratto dal sito: www.simoneventurini.it)

Photo by frank mckenna on Unsplash

Sostieni le attività del
Popolo delle Madre Terra
Popolo della Madre Terra
Il nostro è uno stato auto determinato, con un governo presidenziale, e un consiglio Ministeriale composto da uomini e donne coscienti, uniti sulle basi delle antiche identità ancestrali del nostro territorio, la Penisola Italica, della Madre Terra tutta.
Contatti
E-mail: segreteria@popolodellamadreterra.org
Social
Newsletter
Iscrivitti alla newsletter
per rimere sempre aggiornato
sulle iniziative ed eventi del Popolo della Madre Terra
 
 
 
Copyright © 2022 - Privacy Policy - Cookie Policy
Realizzato da Giap Informatica